Golden Goose Miglior Prezzo

Happy B day, Hillary! La super candidata democratica alla Presidenza degli Stati Uniti soffia su 69 candeline il 26 ottobre. Fin dagli esordi sulla scena pubblica i suoi look l sempre contraddistinta: il piglio da donna di polso la faceva sentire perfettamente a suo agio in completi dal taglio maschile e lunghi spolverini oversize. Quanto ai colori, non si pu dire che Hillary non si sia data da fare: dal celeste al giallo, passando per l e il rosa acceso: tutto il pantone, insomma.

In particular, the existence of more than one Gibbs measures is associated with statistical phenomena such as symmetry breaking and phase coexistence. Order to further investigate the behaviour of these systems, theoretical physicists developed a powerful tool: renormalization transformations. Simply speaking, they allows systematic investigation of the changes of a physical system as viewed at different distance scales.

Pareun racconto apocrifo quello del poveropastorelloche, non potendoregalare nulla al BambinelloGesu’, suona per lui il proprio tamburo. La storia e’ in qualche modo simile a una vecchia leggenda francese del dodicesimo secolo, Le jongleur de Notre Dame, il cui protagonista e’ un artista di strada che fa il giocoliere di fronte alla statua delle Vergine Maria. (vedi).

E non c’è dubbio che salire sul palco, suonare, cantare, farsi adorare da chi ha pagato persino un biglietto per osannarti sia un sogno. Un bellissimo sogno. Lo troverete trasformato in un film in “Almost famous”, il film di Cameron Crowe che a quel sogno ha dato il volto di una groupie, di una band che insegue la stella del successo, di un giovanissimo e “sincero” giornalista che da quell’avventura è affascinato e al tempo stesso turbato.

Tra le cose migliori va menzionato un inedito senza titolo della durata di una quindicina di minuti (il video è raggiungibile dalla foto qui sopra), tetro ed incendiario ma allucinato dai sonagli impazziti di Thor Harris, con eccelso dialogo ritmico Puleo/Pravdica, cartavetro e detriti vari portati in dote dal canuto Westberg ( uomo di 365 anni così l definito Michael) ed il frontman ad interpretare come al solito la parte più umorale ed imprevedibile,regalando al macilento finale noiseuna serie di strascicati deliri elettrici oltre ad un sinistro lamento d E ancora lui, vero protagonista, a improvvisare uno sgradevole siparietto durante la non meno minacciosa Crawled strizzandosi più volte le parti basse e ravanando come un ossesso nei pantaloni, prima di lanciarsi in completo delirio da una parte all del palco violentando la sua Gibson Lucille (con sottofondo western tibetano). Uno spasso. Visto il tenore della performance, prima dell bis ( Mouth scaracchio noise con coda recitativa nel silenzio) qualche spettatore ha rilanciato in maniera non meno assurda i saluti del cantante a Ennio Morricone (!) e Fabrizio Modonese Palumbo (dei Larsen, torinese), aggiungendo alla lista i nomi di Roberto Maroni e di Mara Carfagna.

Taggato con:

Lascia un commento