Golden Goose Superstar Snow Leopard

Tim Burton! appunto in questo periodo che Lasseter firma i suoi primi cortometraggi d’animazione: Lady and the Lamp (1979) e Nitemare (1980). Sposato con Nancy Tague, dalla quale avrà cinque figli, dopo la laurea viene assunto alla Walt Disney Company per lavorare all’attrazione turistica di Disneyland Jungle Cruise. Successivamente, diventa un animatore presso il reparto Walt Disney Feature Animation, ma dopo La carica del 101 (1961), lo Studio non naviga in buone acque finanziarie, data la mediocre attenzione che il pubblico ha riservato per i loro film al cinema.

Maka E. And I shared some soft scrambled eggs and hot fried chicken for the main portion of our meal. Both were delicious. L’esatto contrario, insomma, del mondo di fantasia particolarmente cupo e sgradevole delineato con abilità surrealista da Vian, con Giacomorto a rappresentare il lume della ragione e della civiltà nel suo incontro/scontro con una comunità retrograda e crudele, dove gli anziani sono dileggiati e smerciati in apposite fiere di piazza e i bambini vengono sfruttati barbaramente nei lavori di fatica fino a una morte puntuale, priva di clamore. E dove le responsabilità del marciume, i mali, il peccato, il rimorso, sono scaricati senza troppi complimenti nel fiumiciattolo rosso che conduce in paese, dove il vecchio La Gloria è pagato oro (che non potrà mai spendere) per ripescarli e farsi carico dell’altrui vergogna con silenzioso fatalismo. Questo angusto e squallido teatro si configura dalla prima all’ultima pagina come un concentrato di insensata violenza e immoralità trionfante, con la penna dello straordinario autore francese particolarmente cruenta e barocca nella raffigurazione dei suoi incubi opprimenti (la crocifissione del cavallo e il terribile abbattimento degli alberi, tra i più feroci) e delle sferzanti deformazioni riservate tanto all’ambiguo opportunismo della fede (memorabili le grottesche celebrazioni di un curato ossessionato dall’idea della religione come lusso dovuto a Dio) quanto alla risibile sterilità della psicanalisi, due sfere accomunate dal culto spropositato che sempre le circonda e dall’inadeguatezza a fornire valide risposte.

“A lot of those lobbyists, whether you like it or not, represent real Americans. They represent nurses, they represent social workers, yes, they represent corporations that employ a lot of people. I don’t think, based on my 35 years of fighting for what I believe in, I don’t think anybody seriously believes I’m going to be influenced by a lobbyist.”.

Taggato con:

Lascia un commento